La Siberia in Fiamme che non c’è

Da tempo sentiamo superficiali ragazzine parlare di ambiente, e protestare in televisione, vediamo articoli sulla siberia o altri paesi in fiamme e tutto ciò mi da’ da pensare. Cosa sta succedendo? Perchè per 40 anni le grida degli scienziati sono rimaste inascoltate, e lo sono ancora, mentre i poteri forti danno voce a persone impreparate ed innocue? Semplicemente per scopi puramente elettorali e politici. Una sorta di finto e momentaneo compromesso per paura che le masse di persone possano disaffezionarsi alla falsa democrazia che  viene sbandierata come vanto nei paesi  ” più civilizzati” ( ci sarebbe da discutere di questo ) del mondo.  Quest’estate sono stato come sempre da 30 anni  in siberia, percorrendo circa 3000 km fra Taiga e steppa al confine con la Mongolia e dietro il lago Baikal.  Eccovi uua fotografia della Buriatia, Praticamente ho girato in cerchio intorno al lago Baikal.

Risultati immagini per foto buryatia

Ci vado da oltre 20 anni anche 2 /3 volte all’anno perchè mi occupo di orfani disabili in quella parte del mondo. Ogni estate si sa’ di incendi nella taiga, dove la temperatura estiva supera  i  40 ° e invernale  – 50°. Da sempre ci sono incendi nella zona di Kurunkan, ma quest’anno, al contrario, non abbiamo incontrato alcun incendio, non solo ma spesso solo piogge torrenziali con  straripamenti lievi dei piccoli fiumi. Si avete capito bene, piogge e non roghi.  Ho anche guardato i “novasti” telegiornali locali e quelli nazionali russi e non ho sentito informazioni su incendi. Sono Laureato in russo ed ho chiesto a tutte le persone che ho incontrato. Bene c’è stato un grande incendio a Marzo, ma del resto, quello che hanno mostrato in Italia loro non avevano notizia.  Quindi pensando che la siberia è  grande 8 volte l’Europa e che per la granparte è disabitata, capisco perchè i russi non si preoccupino di questo.  Bisognerebbe spiegare al mondo che ben altre sono le problematiche da affrontare per l’ambiente. Un esempio? Sostituire i copertoni fatti con petrolio con quelli al mais, perchè in fondo ne respiriamo il 60% ed il resto raramente viene smaltito in modo corretto. A tutti coloro che me lo chiedono  posso con certezza dire che nell’area di 3000 km2 dove sono stato io non vi era traccia di  incendi ( l’Europa come dimensione) e che è ora che le persone si chiedano perchè dietro questa ragazzina vi sia Soros con un centinaio di  persone di staff, e perchè gli scienziati non siano mai stati interpellati e ne appaiano in televisione. Semplice, un’ulteriore strategia della tensione, come con la Sars, la aviaria, i rifugiati,  perchè le persone votino per non far cambiare l’Europa.  Inoltre le grandi bufale sulla Russia continuano con illazioni su presunte richieste di aiuti all’America. Pure bufale. La Russia è sotto gli attacchi americani perchè difende l’Iran e la Siria, perchè commercia con la Cina in rubli e Yen e non dollari la vendita di petrolio ed altre risorse ed è energeticamente indipendente. tutto qui.

Siberia e il mistero degli incendi – DISINFORMAZIONE.IT

Siberia e il mistero degli incendi – DISINFORMAZIONE.IT

DISINFORMAZIONE.IT

Source: disinformazione.it/2019/08/20/siberia-e-il-mistero-degli-incendi

Nella foto di copertina sono io a manifestare per greenpeace negli anni 90′ nell’arena di Verona

Volontariato

Volontariato attivo

Per me il volontariato è una parte attiva del mio servizio di ex capo scout e di aiuto al mondo. E’ sempre stato parte della mia vita e lo sarà anche in futuro. La mia opera di volontariato non è mai stata compensata economicamente in alcun modo.

Per Greenpeace

Azioni dirette:

Francia per consegna firme e Chirac contro i test atomici a Muroroa,

Azione di disturbo e incatenamento all’Hotel Excelsior al Lido di Venezia contro le multinazionali della chimica

Azione all’elezione del presidente della neste a Losanna in Svizzera

Azioni in Norvegia contro la caccia alle balene a Mosca ( ambasciata cinese) contro i test atomici  Cinesi sotterranei

Attività di contrasto apertura dell’inceneritore di Ca del bue a Verona, facendo analizzare l’erba intorno all’inceneritore, per rilevare le percentuali di diossina contenute

Azione alla Chicco di Leggo per l’eliminazione del pvc dalle parti morbide dei giocattoli che i bambini mettono in bocca, ed alla grande Mella alla Toys

Campagna contro il taglio degli alberi senza ripianto per la produzione della carta igienica (Verona)

Partecipazione attiva alla manifestazione in Arena per la pace nel mondo con Alex Zanotelli

Altro Volontariato

Centro Turistico Giovanile:

Membro del consiglio Provinciale e regionale

Membro del gruppo guide, dove ho fatto  da giuda a diverse scolaresche alle chiese di Verona per cui ho scritto una guida turistica di Verona in lingua russa nel 1990

Ho tenuto Corsi di formazione sull’animazione europea ed internazionale, contro il razzismo e e la xenofobia

Ho fatto l’animatore del CTG in Ungheria e Italia per 3 anni, portando ragazzi di Verona in campi internazionali

Parrocchia di Porta Nuova distribuzione dei vestiti usati agli immigrati nel 2018

Amnesty international

Ho fatto parte del gruppo di Verona svolgendo la normale attività di banchetti e lettere. Negli anni a 1984 / 86

mi sono occupato difesa dei diritti dei carcerati, delle persone incarcerate ingiustamente

contro al tortura in carcere in diversi paesi del mondo

Distretto equo solidale di Verona e GAS

Ho fatto parte di 3 Gruppi di acquisto solidale e ne ho fondato uno.

SIBERIA

Dal 1998 mi occupo di orfani, dai 0 anni in su. Ho fondato diverse organizzazioni e una fondazione locale, solo con soldi miei e dei miei amici. I siberia compriamo medicine, pannolini e vestitini per neonati abbandonati e costruiamo fattorie ecologiche dopo il lago baikal per gli orfani,. Organizzo dei viaggi durante l’estate per vedere i nostri progetti. www.piccolimondi.org

Ed infine il mio attivismo per il MoVimento dal 2012

PERCHE’ NON CREDIAMO SIA UTILE IL TAV

COORDINAMENTO NO-TAV BRESCIA VERONA

17.03.2019 GIORNATA AL SANTUARIO

PERCHE’ NON CREDIAMO SIA UTILE IL TAV

Non c’è solo la Torino Lione che ci preoccupa e che sembra il problema N. 1 in Italia oggi, quando ci sono migliaia di km a binario unico e pendolari che al lavoro ci arrivano in due ore al mattino e due ore al ritorno.

C’è un altro progetto devastante, costoso ed inutile: la linea Alta Velocità Brescia-Padova. 5 miliardi e mezzo che pagheremo tutti noi italiani per far risparmiare 13 minuti a chi viaggia da Milano a Venezia, e che servirà al 5% della popolazione mentre il 95% continuerà a non avere i treni che sono veramente necessari alle esigenze quotidiane di lavoro e di studio.

Sappiamo che anche per questa tratta, l’analisi COSTI BENEFICI è negativa. Già nel 2017 il Prof. Ponti nel suo studio indipendente dava risultati impietosi e anche la Corte dei Conti Europea con una ricerca partecipata da scienziati di vari stati europei, pubblicata nel 2018, dichiarava che l’Alta Velocità non è utile sempre e dovunque, ma è doveroso valutare il territorio che attraversa, il numero di stazioni che è necessario toccare, le risorse finanziarie del paese che lo realizza, il beneficio reale ai cittadini che usufruiscono del servizio.

Oggi tra Milano e Venezia viaggiano 160 convogli tra regionali, alta velocità e merci! La capacità della linea storica esistente è di 230 treni e senza spendere un euro in più potremmo potenziare di un terzo il traffico su ferrovia. Nel frattempo aspettiamo la pubblicazione dell’analisi realizzata dal team di Ponti.

L’alternativa valida all’Alta Velocità è questa: il potenziamento della linea storica. Il miglioramento tecnologico di tutta la linea e nuovi binari dove si rende necessario. Per le merci proponiamo di valorizzare la linea Medio-Padana che corre tra Monselice e Genova passando per Tortona. Questa è l’opera che vogliamo! Questa è l’opera che andrebbe a beneficio di tutti a cominciare dai pendolari e dai turisti che arrivano sul Garda e per il trasporto delle merci sulla ferrovia.

QUESTIONE AMBIENTALE

Oltre ai problemi di opportunità economica succitati, vi sono innumerevoli problemi di natura ambientale: il concetto che vogliamo ribadire qui è che nessuno ci parla del valore del CAPITALE NATURALE: QUANTO VALE UN BENE NATURALE, UN LAGO, UN FIUME, UN PRATO, UNA SPECIE DI UCCELLI, UN PAESAGGIO?

  • Il Santuario del Frassino, di origine cinquecentesca, sarà circondato da cantieri e scavi che mettono a serio rischio la sua stabilità. Per la sua salvaguardia il CIPE (del. 42/2017) ha previsto numerose prescrizioni tra le quali un monitoraggio ante e post operam, che dovrebbero essere svolti da figure professionali all’interno di un Osservatorio Ambientale che non è stato ancora definito.

  • Il Laghetto del Frassino, risorsa naturale importantissima, per le numerose specie di uccelli migratori che transitano, inserito nella Rete Natura 2000 come SIC (Sito di Importanza Comunitaria) e ZPS (Zona di Protezione Speciale) è a rischio: il TAV interferisce con gli immissari del laghetto, e ne comprometterebbe l’approvvigionamento idrico per il 10-15 % all’anno, e provocherebbe l’inquinamento della falda stessa.

  • Terre e rocce da scavo: Il progetto prevede numerose gallerie, dove si potrebbero verificare gli stessi problemi di Firenze, in un territorio già fortemente compromesso in termini ambientali. Lo scavo delle gallerie prevede l’uso di sostanze chimiche e schiumogeni per ammorbidire il terreno; il materiale che ne esce è da considerare quindi rifiuto da trattare secondo la normativa vigente e non sottoprodotto da riutilizzare in altri punti dell’opera.

  • Rischio idrogeologico : impatto sulle falde acquifere dell’alto mantovano. La realizzazione della galleria Lonato-Desenzano, profonda 40 metri, provocherebbe un impatto idrogeologico imprevedibile al territorio delle Colline Moreniche del basso Garda e piana sottostante, dove sono presenti i pozzi che alimentano gli acquedotti comunali per un bacino di oltre 100.000 abitanti di 15 comuni dell’Alto Mantovano (da Monzambano a Canneto sull’Oglio).

  • PFAS Aggravamento disastro ambientale: Il tracciato AV-AC attraversa la zona toccata dal problema dei PFAS, in particolare a partire dalla frazione di Lobia di San Bonifacio e continua nei comuni vicentini, e costituirebbe un ulteriore aggravamento dell’inquinamento di questa zona, essendo necessari milioni di litri d’acqua, per il cui approvvigionamento si rischierebbe la messa in comunicazione della falda acquifera ancora sana con quella inquinata. Non valutare seriamente questo gravissimo rischio per la salute pubblica che ha un valore inestimabile, equivale a nascondere la testa sotto la sabbia, poiché i dati sull’inquinamento da PFAS sono ormai ampiamente noti. Chiediamo quindi che venga seriamente valutato il rischio di aggravamento di disastro ambientale, per l’allargamento della zona contaminata da PFAS.

  • Sismicità: Inoltre per quanto riguarda il problema della sismicità del territorio, vi è la necessità di adeguare il progetto esecutivo alle NTC del 2008 (Nuove norme tecniche di costruzione, con aggiornamenti importanti per la costruzione di viadotti e ponti).

Noi chiediamo infine che come per quanto accaduto per la tratta Mestre- Trieste, dove non si realizzerà più l’Alta Velocità ma sarà realizzato il potenziamento della linea esistente, anche per la nostra tratta, soprattutto alla luce nelle enormi problematiche ambientali che pone, venga valutato l’ammodernamento della linea esistente e l’utilizzo di linee esistenti sottoutilizzate, come la Medio Padana , che corre da Monselice a Tortona-Genova.

I mostri del passato

Se fosse stato una persona qualunque e non il presidente del Parlamento europeo forse non ci avremmo nemmeno fatto caso. La la carica istituzionale che riveste Tajani e le falsità che ha detto meritano una rinfrescata alla memoria.  Non sarò noioso, vi cito solo un bell’articolo del Fatto Quotidiano. Ma quanto ero uno studente universitario, per lo studio dell’esame di storia dell’agricoltura mi imbattei nella vicenda di 150 sindacalisti veronesi uccisi a manganellate nei campi di Verona perché si erano opposti alla riduzione del 50% della paga delle donne contadine. Questo era ed è il fascismo, Vero Tajani..?

Blog | Caro Tajani, ecco cosa hanno fatto davvero Mussolini e il fascismo – Il Fatto Quotidiano

Blog | Caro Tajani, ecco cosa hanno fatto davvero Mussolini e il fascismo – Il Fatto Quotidiano

Non è la prima volta che il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani richiama inopportunamente aspetti del passato. Il 10 febbraio a Basovizza ha lanciato il suo “w l’Istria italiana, w la Dalmazia italiana”. Forse gli è sfuggito che è stata l’Italia a invadere la Jugoslavia macchiandosi di crimini di guerra a Lubiana e nei …

Source: www.ilfattoquotidiano.it/2019/03/15/caro-tajani-ecco-cosa-hanno-fatto-davvero-mussolini-e-il-fascismo/5039119/

Dubbi sul 5 G

Decine di scienziati nel mondo lanciano appelli all’OMS sui danni del 5 G e malgrado le loro petizioni non vengono ascoltati. Gli articolo che loro pubblicano sono scientifici  ed è ora che li leggiamo integralmente.

International Appeal: Stop 5G on Earth and in Space

International Appeal: Stop 5G on Earth and in Space – Global Research

To the UN, WHO, EU, Council of Europe and governments of all nations We the undersigned scientists, doctors, environmental organizations and citizens from (__) countries, urgently call for a halt to the deployment of the 5G (fifth generation) wireless network, including 5G from space satellites. 5G will massively increase exposure to radio frequency (RF) radiation on …

Source: www.globalresearch.ca/international-appeal-stop-5g-on-earth-and-in-space/5666602

Chi sono

Non è facile definirsi, Bisogna cercare nel proprio passato , nelle proprie radici e momenti brutti e belli della vita. Provengo da una famiglia normale, papà in aeronautica mamma sarta casalinga. Una famiglia povera, semplice  e diretta schietta.   Ho una sorella bravissima, una instancabile lavoratrice, insegnante anche lei come me, che sa prendersi cura in modo encomiabile dei nostri genitori. Io non ho la sua forza, ne le sue attitudini. Sono un idealista, uno che realizza grandi sogni ed a volte perde o non nota le piccole cose della vita.  Del mio passato voglio menzionare due momenti significativi,  4 anni di istituto per orfani e un tumore misto alla parotide.  Non voglio entrare nei dettagli ma entrambi questi momenti hanno contribuito a costruire il mio modo di affrontare gli eventi della vita. Con tanto rispetto e umiltà. Sono passato indenne o quasi attraverso questi momenti ed  ho imparato l’impermanenza delle cose.  Ho fatto moltissimi lavori  e la scuola mi ha dato l’opportunità di sperimentarmi, di cercare, di comunicare e sentire cos’è il mondo. La spiritualità mi ha dato la forza e l’anima delle cose.  Mi occupo di orfani perché so cosa sentono, so quanto sono soli e soffrono la mancanza di una carezza, di un regalo , di una semplice figura che li ami. La sognano. Il mondo degli orfani si descrive  a fatica perché non mostreranno mai quanto piangono alla notte  ma troverete sempre un muso duro, distante, incredulo quando li incontrerete. Ho viaggiato molto per misurarmi con me stesso, per sperimentarmi, conoscere il mondo che per anni mi è stato negato, per trovare e respirare la libertà. Ho sempre avuto la percezione del bene  e del male, del giusto e ingiusto, di chi mentiva e chi non. Per questo sono entrato nel MoVimento , perché sentivo la bellezza di un sogno, sentivo una casa di ideali. Ho studiato, sempre, tutta la vita, e di tutto, ma sopratutto  devo ringraziare le mie guide umane che mi hanno dato  ed aperto le porte del sentire, del dubbio, e della saggezza. Il mio caro amico Sergio Pescatori,  professori di russo all’Università di Verona, persona dall’anima infinita e dall’intelligenza sottile.  Tutte le persone che ho incontrato le porto come sempre. Ho fratelli di spirito in tutto il mondo e sono coloro che sono grado di cambiarlo questo mondo.  Non ho appoggi politici, non sono un gran esibizionista, ma sono un basista, un costruttore  e in costante apprendimento. Amo condividere orizzontalmente i saperi e le scoperte.  Amo la montagna ed il suo silenzio. Il mondo va salvato.

Vi ho fatto un breve riassunto di me. Mancano solo dettagli tecnici, come non ho figli, non sono sposato, vivo a Verona in periferia in un appartamento di 40 metri quadrati, ho una vecchia audi quattro del 1992 a metano con 600.000 km, che non mi tradisce quasi mai e che faccio sempre riparare. Non la voglio cambiare e spero di non cambiarla mai. Non mi interessa apparire, mi interessa che le persone siano consapevoli, credano in se stesse e amino questo regalo immenso che chiamiamo vita Tutto, qui. vostro, Stefano

La Bella Italia

Carissimi amici, i nostri mass media son pieni di retorica verso il sud del paese parassita e poco capace di promuoversi, di fare, di innovare . Ma non è vero e lo sapete benissimo,. Oggi vi voglio presentare una realtà di miei cari amici di Agrigento che è esattamente quella che mostrano, La realtà si chiama Val Paradiso di Massimo Carlino e fratelli, amici, parenti, godetevi questo bellissimo filmato.