Carissimi amici, a parte quanto dice questa studentessa a Prodi, c’è di molto peggio. Prodi ci ha portato nell’euro distruggendo il paese. Ci ha portati in un sistema così iniquo, con diversi sistemi fiscali ed una moneta unica facendoci perdere molta competitività nei confronti di Germania e Austria.

il commento della ragazza:

La studentessa a Prodi: “Ha svenduto l’Italia, riconosca errori”. La replica del prof

La studentessa a Prodi: “Ha svenduto l’Italia, riconosca errori”. La replica del prof

“Faccio parte di quella che oggi viene definita Generazione Erasmus”, ma in realtà si tratta della “generazione dei disoccupati e dei lavoratori poveri. Lei, da presidente dell’IRI, ha svenduto il patrimonio economico italiano a società private e ha partecipato in prima persona alla nascita dell’euro, prima come presidente del Consiglio e poi come presidente della Commissione Europea. Non si è battuto per cambiare i criteri scellerati del trattato di Maastricht, nei quali l’Italia non rientrava. E sotto il suo governo fu firmato il pacchetto Treu che diede inizio alla precarietà italiana”. E’ il pesantissimo j’accuse rivolto da una studentessa all’indirizzo di Romano Prodi, ospite giovedì scorso di un incontro organizzato dalla rete Rethinking Economics Italia presso l’Università di Bologna.

Source: www.adnkronos.com/fatti/politica/2017/02/27/studentessa-prodi-svenduto-italia-riconosca-errori-replica-del-prof_SgLTQowy6T2JMiJimA8gmI.html

 

 

qui il video dove prodi ammette che falliremo nell’euro. Ascoltate le bufale di Prodi

IL MONDO CHE VERRA’ – ‘La Disuguglianza’ – Puntata integrale

IL MONDO CHE VERRA’ – ‘La Disuguglianza’ – Puntata integrale

Romano Prodi torna in cattedra: dalla sala dello Stabat Mater dell’Archiginnasio del Comune di Bologna. Il presente e il futuro dell’economia mondiale sarann…

Source: www.youtube.com/watch?v=xDHcNeHTyfM

 

 

Hits: 12

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi